Articoli

Graph

È arrivato finalmente il nuovo assistente per il mondo del lavoro, che mette a fattor comune la potenza dei modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM)con i dati archiviati nella suite 365 e messi a disposizione dall’API Microsoft Graph.

Copilot imita il linguaggio naturale basandosi su modelli provenienti da grandi quantità di dati, è’ ottimizzato per la conversazione grazie al Reinforcement Learning with Human Feedback (RLHF), un metodo che utilizza dimostrazioni umane per guidare il suo comportamento verso i risultati desiderati.

Il modello si basa su un linguaggio specifico per il dominio (DSL) che consente di specificare il tipo di informazioni che si desidera ricercare e sintetizzare dai dati di Microsoft 365.
È importante tenere presente che è stato progettato per imitare la comunicazione umana naturale, ma l’output potrebbe essere impreciso o non aggiornato.

Copilot e Sharepoint

Come detto quindi Copilot è uno strumento di intelligenza artificiale che può essere utilizzato in SharePoint per aiutare gli utenti a creare contenuti, trovare informazioni e rispondere a domande. Copilot utilizza la conoscenza semantica di Microsoft per fornire risposte pertinenti e utili alle richieste degli utenti, basandosi sui dati dell’utente e dell’azienda all’interno del tenant di Microsoft 365. Questo strumento può essere utilizzato per creare codice, testo e altri output utili per far risparmiare tempo agli utenti.

Copilot può essere utilizzato in SharePoint per creare contenuti per le pagine del sito, come articoli, post di blog e documenti. Ad esempio, se un utente vuole creare un nuovo articolo sulle ultime tendenze del settore, può utilizzare Copilot per generare un testo pertinente e ben scritto.
Inoltre, può essere utilizzato per trovare informazioni all’interno del tenant di Microsoft 365, come documenti, email e conversazioni di chat. Questo può aiutare gli utenti a trovare rapidamente le nozioni di cui hanno bisogno senza dover cercare manualmente.

Inoltre, Copilot può essere utilizzato per rispondere a domande degli utenti.
Ad esempio, se un utente ha una domanda su come utilizzare una determinata funzionalità di SharePoint, può chiedere a Copilot e ricevere una risposta pertinente e utile.
Copilot utilizza la sua conoscenza semantica per fornire risposte basate sui dati dell’utente e dell’azienda, il che significa che le risposte sono personalizzate per l’utente e il contesto.

Utilizzando la conoscenza semantica di Microsoft, Copilot fornisce risposte pertinenti e utili che possono aiutare gli utenti a risparmiare tempo e aumentare la loro produttività.

Come Copilot interagisce con Graph

Come anticipato Microsoft Copilot è uno strumento di produttività basato sull’intelligenza artificiale che utilizza modelli di linguaggio di grandi dimensioni e integra i dati con Microsoft Graph e Microsoft 365 Apps.
Funziona insieme a app popolari di Microsoft 365 Apps come Word, Excel, PowerPoint, Outlook, Teams e altro ancora.
Copilot offre assistenza intelligente in tempo reale, consentendo agli utenti di migliorare la creatività, la produttività e le competenze.

Come funziona Microsoft Graph

Microsoft Graph è una piattaforma di dati e intelligenza che fornisce accesso alle informazioni di Microsoft 365.

 

Microsoft Graph

  • Graph API: unico endpoint per l’accesso ai dati interni in tempo reale
  • Graph Connectors: connettori che forniscono  accesso  ai dati esterni a Graph da diverse fonti  (es da Salesforce, Jira, etc)
  • Graph Data Connect: accesso sicuro e scalabile ai dati su Azure per consentire analisi e approfondimenti

 

 

Copilot utilizza Microsoft Graph per accedere ai dati e alle informazioni dell’utente e dell’azienda, come calendari, email, chat, documenti, riunioni e contatti. Questo consente a Copilot di fornire risposte pertinenti basate sulle conoscenza aziendale.

In sintesi, Copilot e Microsoft Graph lavorano insieme per fornire un’esperienza di produttività avanzata e personalizzata per gli utenti di Microsoft 365.

Avete trovato interessante questo articolo? Indovinate chi è l’autore…un umano o Copilot?
La verità sta sempre nel mezzo.

 

Semplifica la gestione della comunicazione interna, dei progetti e dei processi in azienda con Microsoft 365 e SharePoint.

Modern Workplace Consultant

Copilot Studio per Microsoft 365

Progettare, testare e pubblicare copilot adatti alle diverse esigenze.

Durante Microsoft Ignite 2023, come ogni anno, sono state annunciate grandi novità per il mondo delle tecnologie Microsoft.
Tra i diversi annunci, oggi vogliamo approfondire quello relativo a Copilot Studio, la nuova piattaforma end-to-end di intelligenza artificiale conversazionale che consente di creare e personalizzare copilot utilizzando il linguaggio naturale o un’interfaccia grafica.

Copilot Studio è incluso in Copilot per Microsoft 365 e riunisce una serie di potenti funzionalità conversazionali, dai GPT personalizzati, ai plug-in di intelligenza artificiale generativa, agli argomenti manuali, consentendoti di:

• Personalizzare facilmente Copilot per Microsoft 365 con i tuoi scenari aziendali;
• Creare, testare e pubblicare rapidamente copilot autonomi e GPT personalizzati;
• Gestire e proteggere le tue personalizzazioni e i copilot autonomi con l’accesso, i dati, i controlli utente e le analisi corretti.

Copilot Studio si basa sulle fondamenta di Power Virtual Agents (e di altre tecnologie di Microsoft Power Platform) e si integra con varie tecnologie Microsoft: come Azure OpenAI Studio, Servizi cognitivi di Azure e Servizio Azure Bot. Copilot Studio è già disponibile, offrendo un’anteprima pubblica dell’integrazione con Copilot per Microsoft 365.

Ma a cosa serve Copilot Studio?

L’obiettivo di Copilot Studio è aiutare gli utenti a essere più produttivi, creativi e soddisfatti, consentendo loro di personalizzare Copilot per rispondere a specifiche esigenze aziendali, collegandolo a sistemi come CRM, ERP e risorse umane.

Con Copilot Studio, è possibile creare plug-in personalizzati per Copilot per Microsoft 365 utilizzando un approccio low-code e drag-and-drop, con connettività ai dati aziendali e logica per rispondere a domande basate sui processi aziendali.

L’interfaccia grafica intuitiva consente di connettersi a varie fonti dati, creare risposte basate su conoscenze aziendali e esporre queste funzionalità in Copilot con facilità. Si possono importare o creare nuovi plug-in da componenti esistenti, con oltre 1.100 connettori predefiniti per semplificare la connessione a dati aziendali.

In futuro, Copilot Studio integrerà perfettamente i servizi di OpenAI, consentendo la creazione di GPT personalizzati direttamente all’interno dell’ambiente di Copilot.
Questo strumento permette anche la creazione e pubblicazione di copilot personalizzati autonomi per l’organizzazione, ad esempio per il supporto IT o per assistere i team di vendita. Offre funzionalità avanzate per migliorare le risposte utilizzando l’IA generativa e consente di pubblicare facilmente i copilot su diversi canali come siti Web, Microsoft Teams e app per dispositivi mobili.

Copilot Studio è dotato di funzionalità di governance e controllo per monitorare l’utilizzo, proteggere i dati e gestire gli ambienti, offrendo una dashboard di analisi integrata per l’IT. Gli amministratori hanno piena visibilità e controllo sull’intero ciclo di vita dei copilot e delle personalizzazioni di Copilot per Microsoft 365.

Per saperne di più, è possibile visitare il sito di Copilot Studio.

 

Team Marketing

 

L’IA nel mondo aziendale: vantaggi, settori economici, ottimizzazione di processi aziendali

Nel mondo dinamico e sfidante della moda, l’innovazione rappresenta la chiave per mantenere un vantaggio competitivo. Una delle innovazioni più promettenti che sta trasformando radicalmente l’intera industria è l’Intelligenza Artificiale (AI).

In questo articolo, esploreremo il concetto di AI, individuando i settori economici e le aree aziendali che ne possono trarre i massimi benefici. Inoltre, ci concentreremo sulle soluzioni offerte da Microsoft, con particolare attenzione a Dynamics 365 Business Central, e su come queste tecnologie possano essere impiegate in maniera strategica per sfruttare appieno il potenziale dell’IA nell’ambito della moda.

I settori economici influenzati dalle innovazioni dell’AI

Secondo una ricerca effettuata da “The European House Ambrosetti” in partnership con Microsoft, l’AI generativa avrà un impatto sulla maggior parte dei settori economici e processi aziendali.
“Non è di fatto più una questione di se, ma di “quanto” l’intelligenza artificiale sarà influente”.

In base ai risultati della survey, i principali settori economici destinati a essere influenzati dall’AI includono il settore finanziario, l’ICT, il mondo della moda, l’editoria e i servizi alle imprese.

I processi aziendali trasformati dall’Intelligenza Artificiale

Per il 70% degli intervistati l’utilizzo di questa tecnologia porterà ad un aumento della produttività e le funzioni aziendali a trarne maggiori benefici saranno oltre a quella ICT, la progettazione e il design, il knowledge management e il marketing.

I vantaggi in azienda dell’introduzione di AI

In linea con la ricerca accademica, la survey ha rivelato che i principali vantaggi dell’AI potrebbero interessare le professioni che svolgono principalmente compiti ripetitivi. Tuttavia, è importante sottolineare che l’AI generativa è in grado di supportare anche mansioni che richiedono competenze creative, decisionali e strategiche.

Benefici attuali e prospettici
Sebbene sia ancora nelle fasi iniziali e sperimentali, l’AI sta già dimostrando di offrire vantaggi tangibili alle aziende. Guardando agli esempi di utilizzo raccolti nei primi anni di adozione di questa tecnologia, è evidente che le imprese stanno ottenendo:

  • Ottimizzazione delle risorse: L’IA analizza dati complessi in tempi rapidi, consentendo decisioni basate su dati accurati e una gestione ottimale delle risorse.
  • Semplicità nei flussi dei dati: L’IA organizza dati caotici in flussi gestibili, migliorando l’accesso e la comprensione delle informazioni aziendali.
  • Automazione dei flussi di lavoro: L’IA automatizza le attività operative e compiti ripetitivi, consentendo ai dipendenti di concentrarsi su compiti creativi e strategici.
  • Snellimento dei processi: L’IA ottimizza i processi aziendali, riducendo inefficienze e migliorando la produttività.
  • Ottimizzazione dei processi ripetitivi: I processi aziendali ripetitivi diventano più efficienti grazie all’IA, garantendo coerenza e risparmio di tempo.
  • Miglioramento del servizio clienti: Gli algoritmi di Intelligenza Artificiale analizzano i dati dei clienti per creare esperienze personalizzate, aumentando la soddisfazione e la fedeltà del cliente.
  • Predizione delle sfide aziendali: L’analisi predittiva, combinata all’IA, consente di anticipare sfide potenziali, consentendo alle aziende di essere proattive anziché reattive.
  • Miglioramento del processo decisionale: I dati generati dall’IA supportano i processi decisionali, migliorandone precisione e tempestività.

AI e Microsoft

Microsoft ha compiuto un passo avanti straordinario nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale (AI) grazie all’acquisizione di OpenAI, un vero pioniere nel campo dell’IA. Questa collaborazione ha portato alla creazione di soluzioni all’avanguardia che mettono l’Intelligenza Artificiale al servizio dei processi aziendali.
Tra le iniziative di spicco, Microsoft ha integrato soluzioni di AI direttamente nei popolari strumenti di Office che utilizziamo quotidianamente. Inoltre, ha lanciato “Microsoft Dynamics 365 Copilot,” un assistente AI completamente integrato nelle soluzioni CRM ed ERP.

AI in Microsoft Dynamics 365 Business Central: Trasformazione dei Processi Aziendali

In particolare, Dynamics 365 Business Central offre quattro funzionalità avanzate basate sull’IA, che possono essere applicate al settore fashion:

  1. Analisi dei flussi di cassa: Le previsioni del cashflow si avvalgono dell’Intelligenza Artificiale attraverso Copilot, per creare analisi più complete e precise.
  2. Analisi delle previsioni dei ritardi di pagamento: Copilot mira a ridurre i crediti in sospeso e a ottimizzare la strategia di recupero dei crediti prevedendo in anticipo se le fatture di vendita verranno pagate puntualmente. Questo permette di adattare i termini e i metodi di pagamento in base alle previsioni di ritardo.
  3. Previsioni di vendite e gestione del magazzino: Questa funzionalità consente di prevedere le vendite future, utilizzando dati storici, e di ottenere una chiara visione delle scorte previste in esaurimento. Sulla base di queste previsioni, è possibile generare automaticamente le richieste di approvvigionamento per i fornitori, risparmiando tempo prezioso.
  4. Creazione di testi di marketing basati sull’IA: Copilot offre assistenza basata sull’Intelligenza Artificiale ai professionisti di Business Central responsabili della creazione di testi di marketing per i prodotti. Questa funzione genera rapidamente descrizioni di prodotti accattivanti utilizzando attributi come colore, materiale e dimensioni, per le piattaforme di e-commerce. Inoltre, è possibile personalizzare ulteriormente queste descrizioni selezionando il tono di voce, il formato e la lunghezza desiderati.

Grazie a queste soluzioni all’avanguardia, Microsoft Dynamics 365 Business Central sta guidando la trasformazione digitale delle aziende, ottimizzando processi, migliorando la produttività e consentendo una gestione più intelligente delle risorse aziendali.

In Var Prime siamo esperti nell’implementazione di Business Central per le aziende Fashion e Textile, e crediamo fortemente nell’importanza di adottare tecnologie all’avanguardia per rimanere competitivi in un settore in continua evoluzione.

 

Dynamics365 Business Central con l’addon PRIME365 Fashion è la soluzione ERP tailor made per le aziende fashion. Scegli la massima efficienza e competitività per il tuo business nel mondo della moda.

Microsoft Dynamics 365 Business Central Consultant

 

Copilot

Il copilota che introdurrà l’intelligenza artificiale all’interno dell’universo Microsoft è finalmente realtà

Avete mai immaginato come sarebbe aprire una chat e chiedere ad un bot di aiutarvi direttamente all’interno di un file Excel, o durante una riunione su Teams? Con Microsoft 365 Copilot, il nuovo tool di Microsoft che combina intelligenza artificiale con le funzioni di una moderna chatbot, questo sarà possibile.

Sin dal primo annuncio di marzo 2023 non ha fatto altro che far parlare di sé, e finalmente ci siamo: da ottobre Microsoft 365 Copilot farà ufficialmente il suo debutto all’interno delle piattaforme e degli applicativi Microsoft su Windows 11.

Presentato come il primo AI bot (Artificial Intelligence bot) al mondo integrabile all’interno di piattaforme ERP e CRM durante l’ultimo “Microsoft Inspire 2023” e in occasione dell’evento “The Future of Work: Reinventing Productivity with AI”, Microsoft Copilot promette di essere quel passo avanti che porterà tecnologia e digitalizzazione ad un livello ancora più alto. Il connubio che nascerà permetterà l’integrazione di programmi e applicazioni già comunemente utilizzati con tool basati su intelligenza artificiale, promettendo di elevare la produttività e l’efficienza umana a livelli ancora più alti, e lasciando agli AI bot quei compiti più ripetitivi e tediosi che, solitamente, portano via solo tempo ed energie.

Di Microsoft Copilot ne avevamo già parlato in un precedente articolo in anteprima, ma andiamo a scoprire più nel dettaglio quali sono stati gli annunci a riguardo che si sono susseguiti negli ultimi mesi, tra cui, non meno importante, quali saranno i requisiti minimi richiesti e le eventuali licenze.

L’evoluzione delle IA in un mondo sempre più connesso e l’avvento degli “AI chatbot”

Già da tempo, l’argomento “Intelligenza Artificiale” ha sfondato quella barriera che riteneva questa nuova tecnologia – e i tool ad essa collegata – relegati ad un ambiente esclusivamente specialistico e prettamente “informatico”, entrando a far parte sempre più del nostro quotidiano.
Soprattutto nell’ultimo anno abbiamo visto nascere un numero sempre più alto di tool appositi, più o meno specializzati su diversi settori, che permettono di sfruttare appieno la potenza di tecnologie di computazione dati tramite l’inserimento di semplici prompt (input) scritti, al fine di generare risultati in modo rapido ed efficiente. L’elaborazione del linguaggio naturale, utilizzato quotidianamente, si unisce al processo di Deep Learning come base delle IA per l’elaborazione dei dati, restituendo all’utente informazioni e previsioni il più accurate possibili sulla base dei dati analizzati.

L’esempio più conosciuto è ChatGPT. Il noto chatbot basato su IA, sviluppato da OpenAI e lanciato a novembre 2022, è già diventato l’emblema di come queste nuove tecnologie siano diventate improvvisamente non solo di facile utilizzo, ma siano veramente alla portata di tutti.
Accedendo all’applicazione, l’utente avrà la possibilità di porre richieste, fare domande o scrivere input in linguaggio colloquiale, e ChatGPT fornirà la propria “risposta” andando a utilizzare dietro le quinte complessi algoritmi di computazione dati e di apprendimento automatico. Il tutto all’interno di un’interfaccia che simula una vera e propria chat con un interlocutore, in modo da renderne l’utilizzo facile e immediato.

Anche Microsoft non è da meno, e ha già iniziato a investire e sviluppare in queste tecnologie da tempo.
Parlando di AI chatbot, non si può non citare “Bing Chat” e “Bing Chat Enterprise”, chatbot basati su IA e integrati direttamente all’interno del browser di ricerca Microsoft Edge, già a disposizione degli utenti.

Con il lancio di Microsft 365 Copilot, Microsoft si prefigge di fare un ulteriore passo in avanti: non solo metterà a disposizione la potenza di computazione e analisi dati in tempo reale delle IA chatbot, ma integrerà tutto questo all’interno di tutti i suoi applicativi e di quei programmi già diventati, ad oggi, lo standard di utilizzo di milioni di utenti e di business in tutto il mondo, accelerando a dismisura i processi di digitalizzazione già in atto.

Microsft 365 Copilot: l’ingresso dell’intelligenza artificiale all’interno dell’ecosistema Microsoft

Già dalla sua presentazione, Microsoft 365 Copilot viene presentato come “un modo tutto nuovo di lavorare”; questo nuovo tool, infatti, promette di combinare la potenza dei modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) con i dati presenti all’interno di Microsoft Graph e con le app di Microsoft 365. Il tutto sfruttando la potenza di una IA in costante evoluzione, permettendo di potenziare al meglio i propri utenti e, di conseguenza, il proprio business.

Microsoft Copilot sarà come una sorta di “contenitore” di analisi contenuti: registrato un input, andrà ad analizzare documenti, immagini, e più in generale, dati da qualsiasi fonte disponibile, in modo da elaborare immediatamente i contenuti e rispondere così in pochi secondi.

Ma da dove potremmo inserire questi input, questi famosi prompt di cui tanto si parla? Niente di più semplice: tramite shortcut da tastiera o icona sulla barra delle applicazioni si aprirà la schermata laterale di Copilot che simula una vera e propria chat, e potremo così iniziare a scrivere prompt e richieste. Che si tratti di modificare le impostazioni del PC, o di avviare le proprie playlist da Spotify, Copilot provvederà ad esaudire ogni richiesta.

Ma non finisce qui. Microsoft Copilot è stato progettato per portare un enorme contributo in ambito lavorativo. Infatti, può essere avviato direttamente all’interno delle applicazioni del pacchetto Office 365 e, da lì, essere sfruttato per le mansioni più disparate. Dalla richiesta di riassumere un documento in Word , ad analizzare tabelle e creare grafici in Excel , o addirittura dato un tema, creare una presentazione in PowerPoint  complessa e con tanto di animazioni, basterà scrivere la nostra richiesta e Copilot ci risponderà in men che non si dica.

Tutto questo, lasciando sempre piena libertà di gestione all’utente: si potranno quindi utilizzare gli output di Copilot come base di partenza per redigere e analizzare documenti, registrare note vocali. Potremmo revisionare, o addirittura segnalare, qualora Copilot interpreti i dati in maniera non corretta – o in modo non coerente con il nostro pensiero e business.
In questo modo, anche Copilot stesso “apprenderà” ed evolverà in continuazione, andando ad adattarsi sempre di più al nostro workflow, creando un database dati in continuo arricchimento e cercando di limitare il più possibile gli errori futuri.

Ma non solo! Copilot riesce a dare il suo supporto anche su altri fronti.

Integrato con Outlook, aiuterà gli utenti con la gestione della posta, analizzando lo storico delle conversazioni ed elaborando bozze di risposte, andando a ripescare dati ed informazioni non solo dalle conversazioni precedenti, ma anche da eventuali allegati o documenti citati – o direttamente da OneDrive – suggerendo il registro linguistico da adottare o quando rispondere, per una comunicazione più efficace.

Per non parlare dell’integrazione con Microsoft Teams: Copilot ci assisterà direttamente durante le call, fornendo supporto in tempo reale qualora gli venga richiesto di recuperare dati, rielaborare i punti emersi, suggerimenti o evidenziare criticità o competitor menzionati durante la riunione. Fornirà inoltre supporto qualora non si possa partecipare in prima persona ai meeting, generando recap automatici e registrando i punti salienti, rielaborando il tutto in vere e proprie trascrizioni.

Infine, grazie a Loop, avremo a disposizione un canva, uno spazio collaborativo di tipo multi-player, in cui un intero team potrà andare a collaborare e sfruttare le potenzialità dell’IA, lavorando contemporaneamente alla stessa idea e interpellando Copilot su diversi fronti, al fine di concludere più velocemente ed efficacemente un intero progetto. Tutto questo, tenendo traccia di quanto accade passo passo, in modo da poter tornare indietro e revisionare ogni qual volta sia necessario.

Questo – e moto altro ancora – sempre rimanendo all’interno della interfaccia stessa dell’applicazione in uso che già conosciamo.

Non solo Office365: Microsoft 365 Copilot all’interno dei sistemi ERP e CRM e le novità previste per la Wave 2 dell’autunno 2023

Microsoft 365 Copilot sembra andare a rivoluzionare quel metodo di lavoro già consolidato e comprovato per molte realtà, venendo in supporto all’interno dei programmi che vengono usati quotidianamente.
Tutto questo però non sarà limitato solo alle applicazioni Microsoft come il pacchetto Office 365 o Outlook. Anche i sistemi ERP e CRM, come Viva Sales, le app Dynamics 365 o Salesforce, potranno beneficiare del nuovo copilota di casa Microsoft.

Sarà possibile chiedere a Copilot di tener traccia e gestire le risposte email, creare riepiloghi a seguito di meeting o appuntamenti, all’interno degli stessi processi di vendita o servizio clienti, in modo da non dover bloccare gli utenti con quei compiti più ripetitivi e di puro task management.
A seguito di un meeting, Copilot potrà suggerire direttamente di aggiornare opportunità o generare offerte per un determinato cliente; ci potrà supportare nella creazione e gestione delle operazioni di marketing; addirittura, ci potrà assistere nella gestione di casi, andando ad analizzare lo storico e la knowledge registrata in modo da rendere più veloce ed efficace il supporto clienti
Allo stesso modo, Copilot potrebbe venirci in soccorso per la gestione delle attività legata all’e-commerce, o per stipulare insights predittivi per la gestione dei processi chiave per la supply chain.

Copilot ci verrà in aiuto anche a livello di configurazioni e automazioni, integrandosi perfettamente con Power Automate per poterci fornire supporto durante la creazione di workflow e automazioni anche complesse, senza dover necessariamente coinvolgere IT specialistico. Sarà infine possibile aggiungere il controllo di Copilot anche all’interno delle app canvas personalizzate, e configurare su quali dati potrà avere accesso.

Come si può vedere da questa breve introduzione, Microsoft ha intenzione di inserire Copilot letteralmente a 360° all’interno del suo ecosistema, senza tralasciare nulla.
Le prime novità entreranno in gioco già con il rilascio della seconda Wave del 2023. Per saperne di più, vi consigliamo di tenere d’occhio i canali ufficiali relativi alla Wave in vista di ottobre.

Sicurezza dati e privacy: l’impegno di Microsoft per una IA sicura e responsabile

Microsoft ha ribadito che il nuovo Copilot è stato studiato e progettato nei minimi dettagli, senza tralasciare le questioni etiche come la responsabilità nell’aver accesso a dati, anche sensibili, delle organizzazioni, o la privacy stessa. Tutte queste sono questioni fondamentali quando si parla di processo di digitalizzazione, e, con l’entrata in gioco delle IA, diventano ancora più imprescindibili e necessarie.

Lo scopo di Microsoft Copilot, in quanto assistente digitale basato su IA elaborativa e generativa, è quello di integrarsi all’interno dei processi di vendita delle aziende business, e mettere a disposizione i suoi potenti algoritmi di calcolo andando ad analizzare i dati a disposizione.
Questo sistema, inoltre, è pensato perché possa continuare ad evolversi nel tempo con nuove funzionalità, andando ad “imparare” dagli errori (segnalati come tali) ed adattandosi sempre di più al workflow di utenti e organizzazione.

Tutto questo, è stato sviluppato da Microsoft secondo principi fondamentali, quali:

  • lo sfruttamento delle soluzioni Microsoft già esistenti in materia di sicurezza, conformità e privacy già distribuite nell’organizzazione;
  • i modelli di autorizzazioni e consensi per proteggere i dati di tenant, gruppi e individui, in modo che gli utenti abbiano accesso ai soli dati cui devono necessariamente avere accesso;
  • l’impegno per lo sviluppo di una IA responsabile, su principi di equità, affidabilità, privacy e sicurezza.

Bisogna sempre ricordare che, alla base di queste IA non c’è una vera e propria mente umana, ma un complesso gioco di algoritmi e codici basati su processi di Machine Learning e Deep Learning. Ciò significa che, nonostante queste cerchino di aggiornarsi e addestrarsi su modelli consolidati preesistenti, non è garantita la veridicità o la corretta interpretazione dei dati che vengono computati, e che comunque è sempre necessaria la supervisione umana per poter garantire il corretto utilizzo dello strumento in quanto tale.

Inoltre, il dibattito che accompagna le IA dalla loro creazione, ovvero fin quanto queste si potranno spingere nella sostituzione vera e propria dell’essere umano, è sempre più attivo e stimolante, e potrà portare a modelli di IA non solo più evoluti, ma anche più etici e consapevoli del loro ruolo di “macchina” in relazione all’uomo e all’interno della società stessa.

Per saperne di più, vi consigliamo di consultare la pagina Microsoft dedicata, riguardante la questione di privacy e sicurezza dati.

Requisiti minimi e licenze

Arriviamo, infine, alla questione requisiti minimi e licenze. Una premessa è doverosa: essendo la funzione non ancora ufficialmente rilasciata, le informazioni che andiamo a presentare potrebbero subire aggiornamenti o revisioni man mano che ci avviciniamo al rilascio. Vi consigliamo di fare sempre riferimento alla pagina dedicata di Microsoft, in modo da rimanere sempre aggiornati in caso di modifiche.

Durante gli ultimi mesi, Microsoft ha dato accesso anticipato ad un gruppo esclusivo di utenti e beta tester. Ciò che è emerso, ad oggi, è che Microsoft 365 Copilot necessiterà di una licenza add-on Microsoft E3, Microsoft E5, Business Standard o Business Premium, assieme ad un account Azure AD, in aggiunta a tutte le altre licenze già necessarie per usufruire degli altri applicativi (Office 365, Microsoft Teams, Microsoft Outlook, Dynamics 365, ecc…). Al momento, quindi, Copilot non potrà essere aggiunto ai piani Microsoft 365 Business Basic o ai piani personali.
Inoltre, all’interno delle app Microsoft 365, Copilot è attualmente disponibile in anteprima per i beta tester solo per la lingua inglese ed esclusivamente per gli Stati Uniti.

Una volta abilitato Copilot all’interno dell’organizzazione, sarà necessario abilitare gli utenti al canale di aggiornamento Current Channel di Microsoft 365 Apps, per poter dare loro accesso a tutti gli aggiornamenti relativi alle applicazioni Microsoft, e a Microsoft 365 Copilot stesso.
Infine, è consigliato allinearsi al network di Microsft 365, in modo da poter beneficiare di un’esperienza ottimale, minimizzando eventuali latenze di rete e incrementando la qualità del network utilizzato.
Alcune funzionalità di Microsoft Copilot necessiteranno inoltre di una connessione a WebSocket per la crittografia dei dati.

Le licenze di Microsoft Copilot potranno essere gestite assieme alle altre licenze all’interno dell’interfaccia di amministrazione di Microsoft 365.

 

In conclusione, nonostante il rilascio di Microsoft 365 Copilot non sia ancora ufficialmente annunciato, il nuovo tool di casa Microsoft ha già fatto tanto parlare di sé: aspettative, promesse, timori, sicuramente il suo avvento segnerà l’inizio di una nuova era nella digitalizzazione, aprendo le porte ad una nuova concezione del lavoro e del business.

Vi aspettiamo quindi ad ottobre per sapere se sarete tra coloro che testeranno Microsoft 365 Copilot all’uscita, e quali saranno le vostre impressioni.

 

Allinea le vendite e il marketing, aumenta la produttività del reparto vendite e costruisci relazioni migliori con i tuoi clienti con un CRM moderno e in cloud.

Dynamics365 CRM Functional Consultant

Dynamics 365 Copilot

Dedicare più tempo alle attività a valore aggiunto, “lasciando” all’AI quelle ripetitive e di minor valore.

È di queste settimane un’importante novità: Microsoft porta l’intelligenza artificiale generativa su Dynamics 365. Con Microsoft Dynamics 365 Copilot sarà disponibile una assistenza interattiva e basata sull’AI in tutte le funzioni aziendali, migliorando l’esperienza dei clienti, dei dipendenti e l’efficienza operativa.

La prossima era delle applicazioni aziendali sarà trasformata dall’IA generativa

Secondo una recente indagine di Microsoft sulle tendenze nel mondo aziendale, quasi il 90% dei  lavoratori, già oggi spera nel supporto dell’AI per ridurre le attività ripetitive del proprio lavoro.

Copilot porta la potenza delle funzionalità AI di nuova generazione e dell’elaborazione del linguaggio naturale in Dynamics 365, affiancando gli utenti per aiutarli a creare contenuti più velocemente, a completare attività che richiedono tempo, semplicemente descrivendo ciò che serve.

Con Dynamics 365 Copilot, le aziende possono dotare i propri dipendenti di strumenti potenziati dall’AI pensati per i ruoli di vendita, assistenza, marketing, operations e supply chain. Queste funzionalità di Intelligenza Artificiale consentono a tutti di dedicare più tempo ai task a maggiore valore aggiunto del proprio lavoro e meno alle attività ripetitive.

CRM e ERP da tempo sono fonti di dati fondamentali per le aziende e per i clienti, ma spesso richiedono attività onerose e time-consuming come l’inserimento manuale dei dati, la generazione di contenuti e l’annotazione di appunti e informazioni. Le figure sales, per esempio, passano fino al 66% della loro giornata a controllare e rispondere alle e-mail. Dynamics 365 Copilot sfrutta i recenti progressi dell’Intelligenza Artificiale generativa per automatizzare queste attività e dare spazio alla creatività della forza lavoro, aumentando l’efficienza e riducendo i costi.

Intelligenza artificiale in Dynamics 365

Grazie a Dynamics 365 Copilot, migliora l’esperienza d’uso degli utenti CRM e ERP per accelerare il ritmo dell’innovazione e incrementare i risultati aziendali in ogni linea di business.

Dynamics 365 Sales e Viva Sales

Copilot aiuta i venditori a ridurre drasticamente il tempo dedicato alle attività amministrative. L’AI aiuta a scrivere le risposte via e-mail ai clienti e può persino creare un riepilogo via e-mail di una riunione Teams in Outlook, raccogliendo tutti i dettagli del CRM del venditore.

Dynamics 365 Customer Service

Copilot consente agli agenti di fornire un’assistenza clienti potenziata. Dynamics 365 Copilot elabora risposte contestuali alle domande sia in chat sia via e-mail, oltre a fornire un’esperienza interattiva sulle basi delle informazioni e sulla cronologia dei casi, in modo che l’expertise dell’intelligenza artificiale sia sempre disponibile per rispondere alle domande. Microsoft è in grado di rendere più facile per i team di assistenza clienti creare agenti virtuali in pochi minuti grazie ai conversation booster di Power Virtual Agents, che sfruttano la potenza di Azure OpenAI Service e Bing per fornire risposte partendo dai siti web aziendali e dalle informazioni aziendali interne scelte dall’utente.

Dynamics 365 Customer Insights e Dynamics 365 Marketing

Copilot consente agli addetti marketing di semplificare il loro flusso di lavoro nell’esplorazione dei dati, nella segmentazione del pubblico e nella creazione di contenuti.

  • Con Copilot in Dynamics 365 Customer Insights, gli addetti marketing possono creare segmenti di clienti altamente personalizzati e mirati, dialogando con la piattaforma di dati dei clienti attraverso il linguaggio naturale.
  • Utilizzando Copilot in Dynamics 365 Marketing, le figure marketing possono descrivere il proprio segmento di clienti con parole proprie per creare un segmento target con la funzione di assistenza alle query. Queste figure possono anche utilizzare Dynamics 365 Copilot per ottenere facilmente l’ispirazione per nuovi contenuti per campagne e-mail sulla base di una semplice richiesta.

Dynamics 365 Business Central

Copilot semplifica la creazione di elenchi di prodotti per l’e-commerce. Gli attributi dei prodotti, come il colore, il materiale e la taglia, possono essere utilizzati per creare in pochi secondi descrizioni convincenti dei prodotti per le vetrine online. Le descrizioni possono essere ulteriormente personalizzate scegliendo il tono di voce, il formato e la lunghezza. I clienti di Business Central che utilizzano Shopify possono pubblicare i prodotti con le descrizioni sul loro negozio Shopify in pochi clic.

Microsoft Supply Chain Center

Copilot segnala in modo proattivo le issues esterne, tra cui quelle meteorologiche, finanziarie e geografiche, che possono avere un impatto sui processi chiave della supply chain. Gli insight predittivi indicano gli ordini impattati a livello di materiali, inventario, operatori, rete di distribuzione e altro ancora. I responsabili della supply chain possono quindi redigere automaticamente un’e-mail generata da Dynamics 365 Copilot per avvisare i partner interessati e ridurre le potenziali interruzioni prima che si verifichino.

Intelligenza artificiale responsabile

Microsoft si impegna a garantire che i sistemi di IA siano sviluppati in modo responsabile e con modalità che garantiscano la fiducia delle persone. I principi Microsoft sull’IA consentono di adottare pratiche responsabili di IA e forniscono un quadro di riferimento per la loro implementazione nelle organizzazioni dei nostri clienti.

Per saperne di più su questi importanti annunci, è possibile leggere l’articolo di Emily He, Corporate Vice President, Business Applications Marketing di Microsoft

 

Team Marketing